Da Harvard a Genova: tuffi d’America alle Piscine di Albaro

I tuffatori di Genova e Harvard in posa per una foto ricordo

Tra l’Università di Harvard, negli Stati Uniti d’America, e le Piscine di Albaro ci sono qualcosa come 6mila chilometri di distanza. Oggi però non parliamo di geografia, ma di tuffi. Dall’8 al 10 gennaio sono stati ospiti del nostro impianto alcuni tuffatori del celebre ateneo statunitense, accompagnati dal tecnico Matt O’Neill.

Un’occasione che ha permesso ai nostri giovani atleti di vivere un’esperienza stimolante, a stretto contatto con ragazzi più grandi e di alto livello. «Sono stati tre giorni importanti, soprattutto per i nostri piccoli agonisti che hanno avuto la possibilità di vedere tuffi “veri” e di ottima qualità. Il livello dei tuffatori di Harvard è infatti paragonabile ai migliori tuffatori italiani ed europei», spiega l’allenatore della nostra squadra, Beppe La Magna Zimmermann.

Non è mancato l’entusiasmo, sottolineato dalla bella atmosfera creatasi durante i tre giorni e dalla cordialità degli ospiti. «Credo che i nostri piccoli agonisti saranno più motivati adesso», conclude La Magna Zimmermann.

Il progetto che ha portato in Liguria gli atleti dell’università con sede nello stato del Massachusetts ha coinvolto anche altre società del panorama natatorio regionale, come la Pro Recco e il Bogliasco per la pallanuoto. La presenza degli studenti di Harvard ad Albaro ha rimarcato ulteriormente il prestigio dell’impianto, l’unico in regione attrezzato per la pratica dei tuffi.

Contattaci

Utilizza questo form per contattare la Segreteria Sportiva. Ti risponderemo al più presto.

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt

Inizia a digitare e premi invio per effettuare una ricerca